domenica 26 aprile 2009

arghati.

don,don,don,don,don,campane.
sono qui che mi sto slegando,rompo le catene,è quasi ora.
l'inferno è vicino,calore estremo.
libero il drago che è dentro me, posso vincere.
i fratelli del sottosuolo aspettano una voce,una guida.
sangue nella notte vestita di blu.
don,don,don,don,campane.
passano le ore i serpenti strisciano nell'oscurita di cuori trafitti.
questo dolore rompe le sequenze di passi lenti.
correnti partoriscono piccoli mostri,mentre la mente sigillata cerca un varco per risalire dall'abisso.

13 commenti:

  1. se la mente troverà il varco...gradirei un suggerimento...lo sto cercando anche io...

    senza costrutto, per ora...

    ciao!

    RispondiElimina
  2. x poetella,cerco di risalire,suggerimenti mah,mi pare di capire che è un momento buio il tuo,se sbaglio mi scuso,sorridi e vai incontro alla vita.

    RispondiElimina
  3. mah...mica è tanto facile...
    ci proverò, comunque...
    ci proverò...

    ciao...e grazie delle visite...!

    RispondiElimina
  4. non usare la mente per risalire dall'abisso, ma usa il tuo cuore e vedrai che ci riuscirai.
    baci

    RispondiElimina
  5. mah.... boh....!!!ma quale cuore??notte bacio.

    RispondiElimina
  6. va un po' meglio sì...
    ti ho risposto sul mio blog...
    sei gentile...e ti seguo...

    RispondiElimina
  7. e chi è sto re del mondo, mo?

    RispondiElimina
  8. una profezia dice che un giorno dalle gallerie di arghati sotto gli altipiani dell'asia centrale, usciranno il mistico re del mondo e i suoi sudditi.buona notte.

    RispondiElimina
  9. occhei, occhei...

    aspettiamo fiduciosi, allora...
    ciao! buon giorno!

    RispondiElimina
  10. grazie del tuo commento...per questa volta sei perdonato. Baci.
    buon 1 maggio

    RispondiElimina