domenica 2 febbraio 2014

L'Anarchico.


Lacrime di sole timido tepore/
corda tesa di sangue e odio nel nulla 
delle loro convinzioni/rime capovolte
del marinaio muto occhi di sale
in ritardo sul tempo
col suo detonatore pronto pensava così
forte che la bomba diventò Dio
senza far domande del suo amore così
lungo nell'ipocrisia dei non ricordo/
in anticipo sullo stupore della gente
che non voleva cambiare il nutrimento
del loro dolore color graffi sui seni
seduti a barattare la libertà con l'apatia
al mercato della normalità.
Il marinaio muto occhi di sale
era pronto a morire senza ritornare al
ballo mascherato mentre Sally la scimmia 
maldestra raccontava storie per l'intera notte
una sola notte al San Francisco di Genova
biglietti ormai esauriti/
una valigia nera posata a terra 
e le mani occupate dal terrore e la sorpresa
del tremare per la paura senza pagare 
se non con la sua vita e quella di altri passanti
che nulla avevan chiesto se non di vivere/
la vita che bella invenzione ti giri e non 
la trovi più.
Il marinaio muto occhi di sale buttò via Dio 
col suo amore oltre la piazza/
un amore di fiori secchi e nudi fantasmi.
Ci  siamo girati a vedere la ferita del culo
della terra aprirsi e inghiottire ogni
sofferenza per ricominciare.

38 commenti:

  1. Ciao Achab, che bellissimo post... come sempre!!!
    Emozione... sofferenza.... dolore e tutto ricomincia di nuovo....
    Buona domenica
    Zicin ( Raffaella)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella,che bello che ti ritrovo,tempo fa ero venuto nel tuo blog ma non avevo capito che eri sempre tu e ho fatto confusione,grazie,un abbraccio e buona domenica.

      Elimina
  2. Da sorseggiare con estrema calma, per assaporarlo meglio...Ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace,come un vino,grazie Nella,buona giornata.

      Elimina
  3. Molto sofferto...intenso e pregno...ci ho trovato anche parecchie citazioni di De Andrè...non so se volute o meno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Onda,il testo riguarda un tipo di pensiero in voga negli anni 70 un certo modo di fare rivoluzione che ha portato morte e distruzione e nulla più tra bombe e violenza,solo utopia.
      In parte le citazioni sono volute e dovute a questo grande e unico poeta.
      Grazie della visita,un bacio.

      Elimina
  4. Bello pensare di poter trovare un modo per ricominciare, che non perr forza dipenda da noi...ricominciare e basta, con la capacità di poter affrontare nuovi inevitabili dolori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è bello ricominciare,il clima attuale è quello ma la gente dorme e pensa ad andare allo stadio,anche se non condivido in senso assoluto il comportamento del marinaio muto occhi di sale,non esiste il bel tempo senza il cattivo tempo.
      Buona giornata Onda.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ciao Lella,grazie cara,un abbraccio e buona domenica.

      Elimina
  6. Ciao Achab bellissimo post e il racconto, ben tornato
    un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao nonna Gianna,grazie,buona serata,un abbraccio con affetto.

      Elimina
  7. Ehilà capitano .... m'hai ricondotta indietro nel tempo!
    Leggerla è come ascoltato la musica di Guccini, De Andre .... di chi con poesia e musica conduceva la sua lotta e non con le bombe ...... la violenza non ha mai generato giustizia ........
    Ed io, purtroppo, credo che le "ferite" inferte alla terra da ogni attentato dinamitardo ...... non possano mai sanare ....... troppo sangue ......
    T'abbraccio forte forte
    Il mio plauso Capitano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisena,condivido le tue parole,le ferite urlano il dolore di molti innocenti e la violenza non serve a nulla,il nostro paese è alla frutta ormai marcia da tempo...troppo tempo,grazie è bello averti qui.
      Buona serata,un bacio.

      Elimina
  8. Bello leggerti di nuovo, Achab!
    I tuoi versi sono sempre forti e molto evocativi
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nina,grazie molto gentile,un abbraccio.

      Elimina
  9. Mio dio che angosciante questa tua poesia che parla di morte, della violenza nella quale è precipitato il nostro paese. Sono parole senza speranza, ma vere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero,il momento attuale non è dei più belli nella storia di questo nostro paese ma è giusto lottare per migliorare,grazie cara Ambra,buona serata.

      Elimina
  10. A volte, qualche volta almeno, è dall'angoscia e dalla disperazione che sorgono insperate energie per reagire.
    Non sempre il pessimismo è fine a se stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione caro Costantino,mai perdere la speranza,grazie,buona serata.

      Elimina
  11. Al mercato della normalità ancora oggi l'apatia è in offerta saldo,ma la libertà costa molto di più,gravata dal peso di errori sangue e vite barattate poco prezzo,negli anni,quegli anni.Sappiamo,molti lo sapevamo anche allora che la strada per la libertà non è la violenza,ma anche oggi siamo confusi,e cerchiamo la strada ..Belle e profonde le tue considerazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chicchina,grazie,giuste parole le tue,regna la confusione,grazie,buona serata e un abbraccio.

      Elimina
  12. Mah...si sarà capaci di ricominciare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che si,nel 2040.
      Buona domenica Sandra.

      Elimina
  13. Questo che potrebbe sembrare un inno di dolore e sofferenza non è altro che un meraviglioso delirio di entusiasmo ed ottimismo. Una volta si diceva, morto un papa se ne fa un'altro, ed adesso non vale più, come non vale la "speranza" che non è più l'ultima a morire ha dato posto alla rassegnazione.
    L'unica cosa a cui aggrapparsi è la positività dei nostri cuori puliti, ma serve solo per se stessi....
    Bellissimo post Achab, se riesci a far pensare me, in questo periodo, credo tu sia un genio....
    Un sorriso

    RispondiElimina
  14. ciao ...versi molto intensi... riprende la vita con forza del cuore...ciao..luigina

    RispondiElimina
  15. Ciao Achab un saluto e un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
  16. Caro Achab, passo per augurarti buona giornata.

    RispondiElimina
  17. Forte tensione drammatica, parole che incidono e accusano, più del fanatico il mondo. Un mondo che nulla chiede, nulla si chiede...
    Ciao Massimo, il tuo modo di scrivere, così particolare, scuote e fa riflettere.
    Un abbraccio caro.

    RispondiElimina
  18. Intensa descrizione emotiva di chi ha scelto una via non facile!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Che mix di emozioni!!!
    Ciao Capitano un caro augurio di Buona Pasqua a te e famiglia... un abbraccione!!!

    RispondiElimina
  21. Tanti auguri Achab buona Pasqua a te e i tuoi cari
    nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
  22. ciao...BUONA PASQUA...luigina

    RispondiElimina
  23. Speravo di trovare qui le tue risposte agli ultimi commenti, per essere certa che tutto va bene. Spero che tu ricompaia prima o poi.

    RispondiElimina
  24. CHE FINE HAI FATTO? SEI VIVO?
    Un abbraccio fortissimo da un poeta come me

    RispondiElimina